Kasparhauser





Rivista di cultura filosofica

2017


Home

Monografie

Culture Desk

L'Affaire Hannah Arendt
Heidegger e i Quaderni neri
Deleuze vent’anni dopo
Phaenomenologica

Ateliers

Economia
Etica
Estetica
Filosofia italiana
Geofilosofia
Interviste
Politica
Postmoderno
Psichiatria
Saperi
Teologia

Chi siamo

Info

Marco Nicastro | Psichiatria
Il paradiso perduto e la costruzione di Sé: il mito biblico dell'Eden
4 settembre 2017

Il dialogo col serpente può essere pensato, da un punto di vista psicologico, come una rappresentazione del rapporto con quella parte di sé che desidera andare oltre, che non si accontenta di ciò che è stato già concesso: la serenità, il potere sugli altri esseri, una compagna, ma che ambisce al raggiungimento di una perfezione o di un ideale non ancora posseduti.
Kasparhauser XV | 2017
Andrej Tarkovskij: Il tempo scolpito e l'eredità perduta. A cura di Guido Cavalli e Lorenzo Lasagna

VERSIONE PDF - dal 2 agosto 2017

A trent'anni dalla sua scomparsa di Tarkovskij, alcune riflessioni nel tentativo di riguardare alla sua opera come ad uno dei momenti necessariamente rari, nei quali l'arte ambisce ad essere non semplice messa in scena, rappresentazione oppure metafora, ma apparizione di qualcosa di vero.
Kasparhauser XV | 2017
Andrej Tarkovskij: Il tempo scolpito e l’eredità perduta. A cura di Guido Cavalli e Lorenzo Lasagna

Contributi di Guido Cavalli, Lorenzo Lasagna, Tullio Masoni, Andrea Ponso, Leonardo Tonini, Ludmila Kazinkina

A trent’anni dalla sua scomparsa di Tarkovskij, alcune riflessioni nel tentativo di riguardare alla sua opera come ad uno dei momenti necessariamente rari, nei quali l’arte ambisce ad essere non semplice messa in scena, rappresentazione oppure metafora, ma apparizione di qualcosa di vero.
Michele Turrisi | Ateliers
Fede e certezza. Intervista con Emanuele Angeleri. Seguita da «Risposta ai lettori»
17 giugno 2017

Penso che la fede non possa neppure essere indicata come un ‘dono’, ma deve piuttosto essere intesa come una conquista quotidiana da realizzare in ogni momento della vita. Tutta la nostra vita è fondata sull’incertezza, si dubita di tutto in un senso o nell’altro: il credente cede alla tentazione del non credere e il miscredente si lascia vincere dal desiderio di certezze. Siamo “fratelli nel dubbio”; e in questo stato di debolezza ci dobbiamo amare e rispettare.


© 2012-2017 kasparhauser.net