Kasparhauser





Rivista di cultura filosofica

2018


Home

Monografie

Culture Desk

L’Affaire Hannah Arendt
Heidegger e i Quaderni neri
Psicoanalisi e letteratura
Phaenomenologica

Ateliers

Economia
Etica
Estetica
Filosofia italiana
Geofilosofia
Interviste
Politica
Postmoderno
Saperi
Teologia

Chi siamo

Info

Silvia Cegalin | Filosofia italiana
Agamben/Esposito: la vita nella sua duplice forma
10 febbraio 2018

Agamben accosta l’homo sacer alla figura del lupo mannaro e questa animalità contenuta in lui, è riconducibile alla perdita del proprio rango sociale e all’impossibilità di potersi ricostituire come soggetto politico e, ciò significa, essere obbligati a esistere solo in quanto corpi organici catturati nella loro finitezza e sottratti al loro valore pubblico.
Philippe Cabestan | Phaenomenologica
Dell’unità dell’immaginazione 1. Le immagini appartengono tutte alla stessa famiglia?
20 gennaio 2018

Contemplo l'incisione di Dürer; poi, abbandonandola, immagino un cavaliere che affronta la morte; infine mi addormento ed ecco che ciò che contemplavo o immaginavo, lo sogno. Messo da parte il soggetto in questione, che cosa hanno in comune questi atti differenti della mia coscienza? L’uno suppone il sonno e gli altri due la veglia. In un caso siamo di fronte ad un foglio di carta ricoperto di tratti neri e iscritto nello spazio della percezione, negli altri due casi la coscienza forma, indipendentemente da ogni supporto, un’immagine scelta da lei.
Jacopo F. Mascoli | Estetica
Jacques Rancière e il significato politico dell’estetica
23 dicembre 2017

Alla base della politica vi è quindi un’estetica. Questa estetica, secondo Rancière, deve essere pensata in senso kantiano, come sistema delle forme a priori che costituiscono ciò che ci è dato percepire; dispositivo di esposizione delle cose che possono emergere appieno nella loro autonomia. Un’estetica che diviene quindi un preciso modo di articolazioni tra i modi di fare, le forme di visibilità di questi modi di fare e le modalità di pensiero delle loro relazioni.
Emanuele Angeleri | Teologia
Cose che si sperano, cose che si vedono. Ebrei 11,1. Secondo Lutero
2 dicembre 2017

Il termine fede che ci accingiamo ad analizzare è quello arrivatoci attraverso il cristianesimo con la parola greca πíστισ (pístis), che è stata tradotta in latino con fides, da cui deriva il corrispondente termine italiano fede. Avvertiamo subito che il vocabolo greco e quello latino, rimontando entrambi a radice indoeuropea, sono parenti stretti sul piano etimologico, in quanto connessi alla radice greca πεíθειν.


© 2012-2018 kasparhauser.net