Kasparhauser





Rivista di cultura filosofica

2021


Home

Monografie

Culture Desk

Omaggio a Nancy
Pandemie
Heidegger e i Quaderni neri
Phaenomenologica

Ateliers

Economia
Etica
Estetica
Filosofia italiana
Geofilosofia
Interviste
Politica
Postmoderno
Saperi
Teologia

Chi siamo

Info

Marco Baldino | Economia
Sul lusso
5 gennaio 2023

In una società dove vige la dialettica Servo/Signore, la Rivoluzione è uno strumento per portare sopra ciò che stava sotto. Questo non è una semplice cambio di posizione. La rivoluzione, per eliminare il Signore, deve necessariamente creare un altro tipo di società. Per questo il «nuovo signore», che non può più vivere completamente del lavoro del «nuovo servo» che, intendiamoci, è sempre lui stesso, deve dissimulare la ricchezza, addirittura se ne vergogna, perché il «nuovo signore» porta dentro di sé la traccia del Servo che è stato e dell’aver optato per la vita in una lotta a morte con il Signore.
Giacomo Conserva | Postmoderno
Onde
29 novembre 2022

ONDE deriva da Waves (The wave) di Virginia Woolf, oltre che dalle onde elettromagnetiche che si incrociano, si fondono etc attorno e dentro di noi. (I brani introduttivi alle varie sezioni del romanzo, con il ritmo che li sorregge). E VW compare in due sezioni, tradotte da me da Gita al faro: la madre giovane contemplata nella memoria. Vi è una incertezza e un oscillare semantico, sintattico, e della lingua stessa (italiano, inglese), che è attraversato da una musica "non per l'orecchio sensibile, ma per la mente" (Keats: not to the sensual ear). Come viene detto: "le parole si incrociano e creano le storie".
Giuseppe Crivella | Estetica
Dans un grand geste perdu.Sugli universi figurali di Frédéric Dupré.
26 settembre 2022

L'immagine infatti ora è l'effetto diffuso di un concentrico sisma scaricatosi su ordini plurimi di concatenazioni volumetriche naufraganti in viluppi trigonometrici, che a loro volta provocano a livello superficiale un fitto reticolo di progressive slogature, le quali arrivano così a sancire il tramonto definitivo dei piani rappresentativi in stesura monoscopica. Questi ultimi vengono così tramutati in uno scaleno marasma di anagrammi topologici all'interno dei quali l'osservatore si aggira e si smarrisce con lo strabismo tipico degli occhi asimmetrici di certi pesci abissali.
Hermes Salceda | Estetica
Le forme dello sdoppiamento nei Testi-genesi di Raymond Roussel
5 luglio 2022

La transizione finzionale tra le matrici si effettua in un certo numero di racconti attraverso la realizzazione di un disegno, molto spesso caricature ispirate da un aspetto della finzione. Come ripresa di una parte della finzione nella quale essi si manifestano, i disegni rinviano a ciò che Lucien Dällenbach chiama énoncés réflexifs intradiégétiques che si caratterizzano per una subordinazione totale alla temporalità e all'istanza narrativa del racconto primo. Tuttavia le descrizioni dei disegni configurano uno spazio testuale circoscritto in maniera molto netta, che in tutta franchezza ha la pretesa di servire da specchio rispetto a certi elementi della finzione che li accoglie.


© 2012-2022 kasparhauser.net