Kasparhauser





Rivista di cultura filosofica

2020


Home

Monografie

Culture Desk

Global Age
L'Affaire Hannah Arendt
Heidegger e i Quaderni neri
Phaenomenologica

Ateliers

Economia
Etica
Estetica
Filosofia italiana
Geofilosofia
Interviste
Politica
Postmoderno
Saperi
Teologia

Chi siamo

Info

Marco Baldino | Global Age
Bodei, l’illimite e il problema della tecnica
16 febbraio 2020

Bodei si pone nella scia della critica heideggeriana al mondo della tecnica. Ne utilizza persino alcune fonti minori, come il super conservatore Oswald Spengler, emblema, almeno in alcuni luoghi, dell'ambientalismo Wandervogel - un'ideologia da boyscout, si direbbe oggi, e proto-nazisita (basterebbe vedere il film della Riefensthal, Triumph des Willens, per farsi un'idea esatta del fil rouge che corre tra la Freikörperkultur di Herman Hoffmann Fölkersamb e l’ideologia hitleriana).
Lorenzo Lasagna | Postmoderno
Calvino e l'utopia capovolta. Come il terzo millennio ha smentito le Lezioni americane. Parte seconda - Molteplicità
15 febbraio 2020

Con tutta evidenza, la diffusione della molteplicità (avvenuta principalmente grazie ai mezzi tecnologici di comunicazione, ma anche in seguito ad altri fenomeni macroscopici come la democratizzazione del corpo sociale e l'alfabetizzazione di massa) ha avuto più l'effetto di inibire l'esercizio e la diffusione della conoscenza, che quello di potenziarla o di rappresentarne una manifestazione esemplare.
Kasparhauser XVII | 2020 | Monografie
Contro la poesia. A cura di Guido Cavalli
3 gennaio 2020

Contributi di Claudio Risé, Alberto Bertoni, Andrea Ponso, Italo Testa, Giuliano Ladolfi, Eleonora Rimolo, Gian Ruggero Manzoni, Luca Ariano, Marco Nicastro e Guido Cavalli. E con un’illustrazione di Andrea Bovaia

Fortini parlava di Surrealismo di massa per svelare la convergenza tra arte (anzitutto quella anti-realista, lirica e divinatoria) e ciò che è divenuto la normalità. Ed ora che tutto il linguaggio è sempre subliminale, polisemico, che tutta la parola è sempre evocativa, anzi sensitiva, ora che è compiuta la trasformazione (digitale) della parola in immagine, che cosa rimane alla poesia?
Marco Baldino | Geofilosofia
Voce “Geofilosofia”. Proposta di rettifica a Wikipedia. 2
1 dicembre 2019

Il termine, il cui senso è esposto in Wikipedia, non designa un vero campo di studi; si tratta piuttosto di una semplice declinazione del postmoderno: diffida di tutto ciò che è stato acquisito fino a ieri. Dal piano della storia universale, che sembra non più in grado di fornire un criterio per orientarsi nella vita e nell’esistenza, si passa all’escavazione di certe storie locali, con quel loro sentore di muschio e di incantesimo, da dove si passa alla presa in carico di certi recessi diruti, che fanno da cassa di risonanza, da contorno tenebroso, a quelle storie. L#146ancestrale, se così possiamo dire, prende il posto della chiarificazione razionale.


© 2012-2020 kasparhauser.net